Coltelleria Collini Coltelleria Collini  Coltelleria Collini Facebook  Coltelleria Collini Twitter  Coltelleria Collini Instagram  Coltelleria Collini Google  Coltelleria Collini Youtube     ExtremaRatio Ti Rock Benchmade knives Takeshi Saji knives
Chi c'è Online
In questo momento ci sono, 120 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui


Moduli
· Home
· Cerca
· Messaggi Privati


Info Generali
Benvenuto, Anonimo
Login (Registrare)
Iscrizione:
più tardi: ulosug
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 53328

Persone Online:
Visitatori: 120
Iscritti: 0
Totale: 120


Collini Steel


Benchmade


Hinderer Knives


Loyalty program


Forum coltelli, coltello, torce, spade: Forum

Coltelleria Collini :: Guarda l'argomento - acciaio inox 12C27
Indice del forum » L'acciaio e i suoi segreti

Inserisci un nuovo argomento   Rispondi all'argomento
acciaio inox 12C27
Argomento precedente :: Argomento successivo  
Autore Messaggio
Indy
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Feb 22, 2009
Messaggi: 974

MessaggioInviato: Mar 08 Set 2009-10:28 am    Oggetto: acciaio inox 12C27 Rispondi con citazione

.....è un buon acciaio questo in oggetto? a quale è paragonabile? al 440??

E il kraton che tipo di materiale è?
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
zhurk
Maestro di spade e coltelli
Maestro di spade e coltelli


Registrato: Jul 10, 2008
Messaggi: 4026
Località: Anzio

MessaggioInviato: Mar 08 Set 2009-13:19 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

dipende dal 440, il 440C dovrebbe essere abbastanza superiore.

il kraton è una gomma sintetica, a me non dispiace, ma sinceramente non ti so dire come reagisce all'uso intenso.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
Indy
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Feb 22, 2009
Messaggi: 974

MessaggioInviato: Mar 08 Set 2009-14:58 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

...ok, grazie.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
zatoichi
Signore delle Lame
Signore delle Lame


Registrato: Feb 09, 2004
Messaggi: 15874
Località: Treviso

MessaggioInviato: Mar 08 Set 2009-15:19 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

il 12C27 è ampiamente usato da Viper e da Brusletto.. secondo me è un buon acciaio anche se non ipertecnologico
_________________
Visitate la pagina facebook di Zatodesign!
http://www.facebook.com/pages/Zatodesign-knives/343892485696764
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Visita il sito dell'autore del messaggio MSN Messenger
Indy
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Feb 22, 2009
Messaggi: 974

MessaggioInviato: Mer 09 Set 2009-0:32 am    Oggetto: Rispondi con citazione

...ok grazie anche a te...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
hawkeye
Topo di Bottega
Topo di Bottega


Registrato: May 26, 2010
Messaggi: 10

MessaggioInviato: Lun 28 Giu 2010-17:02 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

quindi è inferiore al 440C se non ho capito male...ma per un coltello da caccia va bene, o ha bisogno di essere riaffilato tutti i giorni?
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
zatoichi
Signore delle Lame
Signore delle Lame


Registrato: Feb 09, 2004
Messaggi: 15874
Località: Treviso

MessaggioInviato: Lun 28 Giu 2010-17:54 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

E' l'acciaio che viene solitamente usato nei coltelli svedesi quando si vuole l'inossidabilità. Se ben temprato è un ottimo acciaio (io in questo periodo sto usando una lama Brusletto in questo materiale)
_________________
Visitate la pagina facebook di Zatodesign!
http://www.facebook.com/pages/Zatodesign-knives/343892485696764
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Visita il sito dell'autore del messaggio MSN Messenger
AndreaE65
Esperto Forgiatore
Esperto Forgiatore


Registrato: Nov 20, 2007
Messaggi: 2012
Località: Pavia

MessaggioInviato: Gio 08 Lug 2010-10:48 am    Oggetto: Rispondi con citazione

zatoichi ha scritto:
E' l'acciaio che viene solitamente usato nei coltelli svedesi quando si vuole l'inossidabilità. Se ben temprato è un ottimo acciaio (io in questo periodo sto usando una lama Brusletto in questo materiale)


E di quello Viper che ci dici? E' temprato bene?
_________________
Non mi aprire senza ragione, non mi riporre senza onore.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
staffy
Forgiatore di Lame
Forgiatore di Lame


Registrato: Gen 18, 2008
Messaggi: 1396
Località: como

MessaggioInviato: Sab 04 Dic 2010-2:37 am    Oggetto: Rispondi con citazione

a parer mio no
_________________
improvvisare,adattarsi e raggiungere lo scopo (gunny)
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email
Sile86
Esperto Forgiatore
Esperto Forgiatore


Registrato: Jul 23, 2010
Messaggi: 3153
Località: Treviso - drio el Sil

MessaggioInviato: Sab 04 Dic 2010-3:12 am    Oggetto: Rispondi con citazione

Io ho un Mora in 12c27 e va molto bene. Resiste benissimo anche all'acqua salata, ti puoi dimenticare senza problemi il coltello nel fodero...r poi a mio parere ha buone doti di taglio e resistenza del filo.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
AndreaE65
Esperto Forgiatore
Esperto Forgiatore


Registrato: Nov 20, 2007
Messaggi: 2012
Località: Pavia

MessaggioInviato: Dom 05 Dic 2010-0:24 am    Oggetto: Rispondi con citazione

staffy ha scritto:
a parer mio no

Grazie del parere.

Ciao
_________________
Non mi aprire senza ragione, non mi riporre senza onore.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Lun 05 Dic 2011-22:52 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

ciao ragazzi mi consigliereste il 12c27 per coltelli da bushcraft?
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
zatoichi
Signore delle Lame
Signore delle Lame


Registrato: Feb 09, 2004
Messaggi: 15874
Località: Treviso

MessaggioInviato: Lun 05 Dic 2011-23:00 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Visita il sito dell'autore del messaggio MSN Messenger
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Lun 05 Dic 2011-23:18 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

zatoichi ha scritto:


grande Zat! grazie per la celere risposta
sarà il prossimo acciaio per costruzione di un bush. poi lo mando a temprare e me lo devono fare almeno 3 volte mi ha detto un amico che dopo diventa come un acciaio al carbonio normale (anche se cmq il 12c27 è al 6% di carbonio come tu mi insegni).
a presto
enzo
ps: ti piacciono i miei ultimi lavori?
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
ST
Moderatore di Sezione
Moderatore di Sezione


Registrato: Mar 10, 2007
Messaggi: 6120
Località: Lido di Venezia

MessaggioInviato: Mar 06 Dic 2011-7:34 am    Oggetto: Rispondi con citazione

enzosnap ha scritto:
zatoichi ha scritto:


grande Zat! grazie per la celere risposta
sarà il prossimo acciaio per costruzione di un bush. poi lo mando a temprare e me lo devono fare almeno 3 volte mi ha detto un amico che dopo diventa come un acciaio al carbonio normale (anche se cmq il 12c27 è al 6% di carbonio come tu mi insegni).
a presto
enzo
ps: ti piacciono i miei ultimi lavori?


Così, tanto per sapere, ma che amici hai? Se è inox, inox rimane!
Non conosco tale acciaio se non "sulla carta", ma non credo abbia il 6% di carbonio, penso invece che potrebbe averne lo 0,6 %.
Se te lo fai temprare, ti basta una sola tempra, ma buona; se lo mandi ad una ditta, lo temprerà tre volte allo stesso modo... (con tre possibilità che la lama ti torni indietro "a banana" e senza vantaggi rispetto ad un trattamento termico ben fatto, anzi...)
_________________
Costruire per crescere http://www.trentinistefano.it
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email Visita il sito dell'autore del messaggio
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Mar 06 Dic 2011-15:45 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

ST ha scritto:
enzosnap ha scritto:
zatoichi ha scritto:


grande Zat! grazie per la celere risposta
sarà il prossimo acciaio per costruzione di un bush. poi lo mando a temprare e me lo devono fare almeno 3 volte mi ha detto un amico che dopo diventa come un acciaio al carbonio normale (anche se cmq il 12c27 è al 6% di carbonio come tu mi insegni).
a presto
enzo
ps: ti piacciono i miei ultimi lavori?


Così, tanto per sapere, ma che amici hai? Se è inox, inox rimane!
Non conosco tale acciaio se non "sulla carta", ma non credo abbia il 6% di carbonio, penso invece che potrebbe averne lo 0,6 %.
Se te lo fai temprare, ti basta una sola tempra, ma buona; se lo mandi ad una ditta, lo temprerà tre volte allo stesso modo... (con tre possibilità che la lama ti torni indietro "a banana" e senza vantaggi rispetto ad un trattamento termico ben fatto, anzi...)


Ciao e grazie per l'intervento; ogni consiglio per me è sempre ben accetto. In ogni caso credo che la deformazione della lama sia dovuta all'incuria di chi esegue la tempra. E' mia norma in questi casi di 3 tempre inviare sempre due lame uguali (non si può mai sapere Sorriso )
Le tempre che vengono eseguite a diversi stadi di temperatura (via via crescenti) e con liquido di raffreddamento con temperatura (all'inizio) più elevata (intorno ai 200°C) difficilmente creano problemi di curvatura.
tu che ne pensi? (sappi che è la prima volta che lavorerò il 12c27 e quindi non so come si comporta!)
a presto
enzo
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
ST
Moderatore di Sezione
Moderatore di Sezione


Registrato: Mar 10, 2007
Messaggi: 6120
Località: Lido di Venezia

MessaggioInviato: Mar 06 Dic 2011-20:34 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Ciao e grazie per l'intervento; ogni consiglio per me è sempre ben accetto. In ogni caso credo che la deformazione della lama sia dovuta all'incuria di chi esegue la tempra. E' mia norma in questi casi di 3 tempre inviare sempre due lame uguali (non si può mai sapere Sorriso )
Le tempre che vengono eseguite a diversi stadi di temperatura (via via crescenti) e con liquido di raffreddamento con temperatura (all'inizio) più elevata (intorno ai 200°C) difficilmente creano problemi di curvatura.
tu che ne pensi? (sappi che è la prima volta che lavorerò il 12c27 e quindi non so come si comporta!)
a presto
enzo[/quote]

Ciao Enzo, come ti dicevo, non ho mai temprato quell' acciaio in particolare; ma non credo sia molto dissimile dagli altri inox.
La "banana" è dovuta a diversi fattori; non ultimo, a come si è eseguita la bisellatura (se da un lato c' è una differenza sensibile nella lavorazione, cioè più materiale che dall' altra parte) allora si facilita la "banana".
Anche la disposizione nel forno di una lama, può favorire e di sicuro, i successivi trattamenti.
Facendo col fornetto, si può portare a temperatura lentamente e con delle pause a certe temperature; io, facendo così, non ho "banane" (tranne una volta che non ho fatto tutto come avrei dovuto per fretta...)
La temperatura del liquido di spegnimento, quando è tra i 60 e i 100°C (+ o -), va bene e non è portandola a 200°C che si può influire sulla "banana"; conta di più come si immerge la lama.
Che ne penso? Penso che una tempra fatta con calma sul singolo pezzo sia la via migliore per un buon trattamento termico e che le varie teorie (a volte, fantasiose) che si discostano dalla tempra singola, siano troppo spesso un' azzardo; e il fatto che tu mandi due lame (sperando che almeno una venga bene) è significativo...
Tu, puoi fare una cosa: bisellare meglio che puoi e una volta finito, controllare che la lama non si sia già un pò storta lavorandola; poi... Poi non dipende più da te ma dalla tua fortuna Occhiolino Soddisfatto
_________________
Costruire per crescere http://www.trentinistefano.it
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email Visita il sito dell'autore del messaggio
curtor
Esperto Forgiatore
Esperto Forgiatore


Registrato: Jul 27, 2009
Messaggi: 3349
Località: VARESE[colline lago maggiore]

MessaggioInviato: Mar 06 Dic 2011-21:02 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Topic ripreso esattamente un anno dopo........che caso........... Indifferente Sussurro
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email Visita il sito dell'autore del messaggio
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Mer 07 Dic 2011-0:08 am    Oggetto: Rispondi con citazione

La temperatura del liquido di spegnimento, quando è tra i 60 e i 100°C (+ o -), va bene e non è portandola a 200°C che si può influire sulla "banana"; conta di più come si immerge la lama.
Che ne penso? Penso che una tempra fatta con calma sul singolo pezzo sia la via migliore per un buon trattamento termico e che le varie teorie (a volte, fantasiose) che si discostano dalla tempra singola, siano troppo spesso un' azzardo; e il fatto che tu mandi due lame (sperando che almeno una venga bene) è significativo...
Tu, puoi fare una cosa: bisellare meglio che puoi e una volta finito, controllare che la lama non si sia già un pò storta lavorandola; poi... Poi non dipende più da te ma dalla tua fortuna Occhiolino Soddisfatto[/quote]

Caro ST,
ti ringrazio ancora per la tua precisa e puntuale risposta. Di solito mando le lame a temprare quando ne ho più di tre da fare. In linea di massima cerco sempre di non fare scaldate troppo la lama durante la bisellatura (ed ancor prima nella sgrossatura) perchè, mi trovo con te, può capitare che si storcino sin da allora. Ancora, quando la eseguo, durante le fasi di tempra mi prendo tutto il tempo e la calma di questo mondo (hai ragione a dire così) e sto attento a scaldare l'olio ma non tanto (di solito lo faccio con un pezzo di ferro arroventato). Non immergo la lama direttamente ma prima per metà circa (orizzontalmente) per un paio di secondi e poi la immergo tutta (spostandomi trasversalmente piano piano). Con questo metodo non sbaglio (alla mia prima tempra dovetti buttare tutto via).
Cmq non ho letto ancora in giro; di una cosa son certo ossia che l'aggregazione molecolare del 12c70 sia diversa dall'acciaio al carbonio (questo per il legame dei differenti elementi legati alle molecole di ferro); son certo però che come dici tu non cambia nulla in fatto di tempra.
Per eccesso di zelo domattina chiedo al centro come si orientano con l'acciaio non al carbonio... forse cambiano solo la temperatura massima alle quali portano l'acciaio (speriamo che non incappo in qualche incapace).
se scopro che c'è qualcosa di diverso te lo faccio sapere.
a presto
enzo
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
ST
Moderatore di Sezione
Moderatore di Sezione


Registrato: Mar 10, 2007
Messaggi: 6120
Località: Lido di Venezia

MessaggioInviato: Mer 07 Dic 2011-8:31 am    Oggetto: Rispondi con citazione

Caro ST,
ti ringrazio ancora per la tua precisa e puntuale risposta. Di solito mando le lame a temprare quando ne ho più di tre da fare. In linea di massima cerco sempre di non fare scaldate troppo la lama durante la bisellatura (ed ancor prima nella sgrossatura) perchè, mi trovo con te, può capitare che si storcino sin da allora. Ancora, quando la eseguo, durante le fasi di tempra mi prendo tutto il tempo e la calma di questo mondo (hai ragione a dire così) e sto attento a scaldare l'olio ma non tanto (di solito lo faccio con un pezzo di ferro arroventato). Non immergo la lama direttamente ma prima per metà circa (orizzontalmente) per un paio di secondi e poi la immergo tutta (spostandomi trasversalmente piano piano). Con questo metodo non sbaglio (alla mia prima tempra dovetti buttare tutto via).
Cmq non ho letto ancora in giro; di una cosa son certo ossia che l'aggregazione molecolare del 12c70 sia diversa dall'acciaio al carbonio (questo per il legame dei differenti elementi legati alle molecole di ferro); son certo però che come dici tu non cambia nulla in fatto di tempra.
Per eccesso di zelo domattina chiedo al centro come si orientano con l'acciaio non al carbonio... forse cambiano solo la temperatura massima alle quali portano l'acciaio (speriamo che non incappo in qualche incapace).
se scopro che c'è qualcosa di diverso te lo faccio sapere.
a presto
enzo[/quote]

Ok Enzo, ma non è che la lama si piega perché si scalda durante la bisellatura; si piega per motivi fisici, per la pressione esercitata mentre si preme sulla superfice abrasiva (anche sommato al fatto che le due bisellature non sono ancora uguali) e raffreddarla, è utile solo per non scottarsi le mani.
Se "scaldi l' olio, ma non tanto" è come se non facessi niente; il contenitore dell' olio, va posto sopra a qualcosa (tipo uno o più fornelletti elettrici a piastra) e si aspetta che la temperatura dell' olio sia effettivamente di almeno 60°C (anche 120°C per gli inox) e questo, lo si deve misurare con un termometro dopo aver mescolato per bene l' olio in modo che non ci siano zone più o meno dense perché la fluidità/liquidità, (uno dei motivi per i quali si scalda l' olio) deve essere uniforme (non ci devono essere zone a differente fluidità quando si immerge la lama) e la temperatura, va misurata col termometro poco prima di "tocciare la lama". La c.zzata dell' immergerci "un pezzo di ferro rovente", non serve a niente.
Caz...a ancora più grande, è quella di immergere la lama "per un paio di secondi"! Stiamo parlando di inox e l' inox martensitico è detto anche "autotemprante", si tempra cioè anche a cuore semplicemente raggiungendo e poi mantenendo una certa temperatura; questo significa che la lama deve essere immersa il più rapidamente possibile e tutta, senza metterci del tempo di mezzo perché quel tempo extra (intendo il tempo che la lama non entra in contatto con l' olio) impedirà alla struttura della lama, uscita martensitica dal forno, di mantenere tale struttura martensitica il più possibile.
Se poi la immergi poco e anche orizzontalmente, aumenti le probabilità che una lama si storca... Te lo dico a ragion veduta dopo aver temprato un rasoio in 440C con spessore di lama...da rasoio...
Con i carboniosi, è diverso, tanto è vero che consentono la tempra differenziata mentre gli inox, no; così come è vero che i maestri giapponesi, per dare la curvatura alle loro katana usavano farlo nella fase di spegnimento (immergendo la lama in un certo modo)... Ma qui, si sta parlando di inox e l' inox vuole, pretende, trattamento diverso; trattamento che è più lento e laborioso di quello adottato per i carboniosi e che ha anche tolleranze molto meno ampie di quelle dei rugginosi; con l' inox si deve essere "lenti a temprare e velocissimi a spegnere" :wink3:
_________________
Costruire per crescere http://www.trentinistefano.it
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email Visita il sito dell'autore del messaggio
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Mer 07 Dic 2011-11:56 am    Oggetto: Rispondi con citazione

ST ha scritto:
Caro ST,
ti ringrazio ancora per la tua precisa e puntuale risposta. Di solito mando le lame a temprare quando ne ho più di tre da fare. In linea di massima cerco sempre di non fare scaldate troppo la lama durante la bisellatura (ed ancor prima nella sgrossatura) perchè, mi trovo con te, può capitare che si storcino sin da allora. Ancora, quando la eseguo, durante le fasi di tempra mi prendo tutto il tempo e la calma di questo mondo (hai ragione a dire così) e sto attento a scaldare l'olio ma non tanto (di solito lo faccio con un pezzo di ferro arroventato). Non immergo la lama direttamente ma prima per metà circa (orizzontalmente) per un paio di secondi e poi la immergo tutta (spostandomi trasversalmente piano piano). Con questo metodo non sbaglio (alla mia prima tempra dovetti buttare tutto via).
Cmq non ho letto ancora in giro; di una cosa son certo ossia che l'aggregazione molecolare del 12c70 sia diversa dall'acciaio al carbonio (questo per il legame dei differenti elementi legati alle molecole di ferro); son certo però che come dici tu non cambia nulla in fatto di tempra.
Per eccesso di zelo domattina chiedo al centro come si orientano con l'acciaio non al carbonio... forse cambiano solo la temperatura massima alle quali portano l'acciaio (speriamo che non incappo in qualche incapace).
se scopro che c'è qualcosa di diverso te lo faccio sapere.
a presto
enzo


Ok Enzo, ma non è che la lama si piega perché si scalda durante la bisellatura; si piega per motivi fisici, per la pressione esercitata mentre si preme sulla superfice abrasiva (anche sommato al fatto che le due bisellature non sono ancora uguali) e raffreddarla, è utile solo per non scottarsi le mani.
Se "scaldi l' olio, ma non tanto" è come se non facessi niente; il contenitore dell' olio, va posto sopra a qualcosa (tipo uno o più fornelletti elettrici a piastra) e si aspetta che la temperatura dell' olio sia effettivamente di almeno 60°C (anche 120°C per gli inox) e questo, lo si deve misurare con un termometro dopo aver mescolato per bene l' olio in modo che non ci siano zone più o meno dense perché la fluidità/liquidità, (uno dei motivi per i quali si scalda l' olio) deve essere uniforme (non ci devono essere zone a differente fluidità quando si immerge la lama) e la temperatura, va misurata col termometro poco prima di "tocciare la lama". La c.zzata dell' immergerci "un pezzo di ferro rovente", non serve a niente.
Caz...a ancora più grande, è quella di immergere la lama "per un paio di secondi"! Stiamo parlando di inox e l' inox martensitico è detto anche "autotemprante", si tempra cioè anche a cuore semplicemente raggiungendo e poi mantenendo una certa temperatura; questo significa che la lama deve essere immersa il più rapidamente possibile e tutta, senza metterci del tempo di mezzo perché quel tempo extra (intendo il tempo che la lama non entra in contatto con l' olio) impedirà alla struttura della lama, uscita martensitica dal forno, di mantenere tale struttura martensitica il più possibile.
Se poi la immergi poco e anche orizzontalmente, aumenti le probabilità che una lama si storca... Te lo dico a ragion veduta dopo aver temprato un rasoio in 440C con spessore di lama...da rasoio...
Con i carboniosi, è diverso, tanto è vero che consentono la tempra differenziata mentre gli inox, no; così come è vero che i maestri giapponesi, per dare la curvatura alle loro katana usavano farlo nella fase di spegnimento (immergendo la lama in un certo modo)... Ma qui, si sta parlando di inox e l' inox vuole, pretende, trattamento diverso; trattamento che è più lento e laborioso di quello adottato per i carboniosi e che ha anche tolleranze molto meno ampie di quelle dei rugginosi; con l' inox si deve essere "lenti a temprare e velocissimi a spegnere" :wink3:[/quote]

Caro ST,
farò frutto dei tuoi consigli sono veramente ben accetti e corposi di particolari. Quando prima ti spiegavo la mia metodologia era rivolta ai carboniosi (sono gli unici che ho sempre temprato) ed il pezzetto di acciaio lo immergo più volte non una sola volta (pian piano porto a temperatura alta l'olio che però non ho mai misurato con il termometro). La prima cosa che farò sarà proprio quella di procurarmi un termometro ad hoc. Poi eseguirò passo passo la tempra del 12c27come mi hai esposto
son certo che con i tuoi consigli eviterò come la peste l'effetto "banana" Sorriso
grazie ancora
a presto
enzo
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
ST
Moderatore di Sezione
Moderatore di Sezione


Registrato: Mar 10, 2007
Messaggi: 6120
Località: Lido di Venezia

MessaggioInviato: Mer 07 Dic 2011-14:55 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Caro ST,
farò frutto dei tuoi consigli sono veramente ben accetti e corposi di particolari. Quando prima ti spiegavo la mia metodologia era rivolta ai carboniosi (sono gli unici che ho sempre temprato) ed il pezzetto di acciaio lo immergo più volte non una sola volta (pian piano porto a temperatura alta l'olio che però non ho mai misurato con il termometro). La prima cosa che farò sarà proprio quella di procurarmi un termometro ad hoc. Poi eseguirò passo passo la tempra del 12c27come mi hai esposto
son certo che con i tuoi consigli eviterò come la peste l'effetto "banana" Sorriso
grazie ancora
a presto
enzo[/quote]

Ok Enzo, ma per gli inox, ci vuole il forno elettrico :wink3: :hammer:
_________________
Costruire per crescere http://www.trentinistefano.it
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato Invia email Visita il sito dell'autore del messaggio
3nzo
Fuciniere
Fuciniere


Registrato: Mar 18, 2010
Messaggi: 594

MessaggioInviato: Mer 07 Dic 2011-15:36 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Ok Enzo, ma per gli inox, ci vuole il forno elettrico :wink3: :hammer:[/quote]

Cacchio non ci avevo pensato Amore mi hai salvato!!!

lo mando a temprare Sorrisino
_________________
..."Ammiro la sua purezza: un superstite non offuscato da coscienza, rimorsi o illusioni di moralità"...
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Inserisci un nuovo argomento   Rispondi all'argomento    Indice del forum » L'acciaio e i suoi segreti Tutti i fusi orari sono EET (Europa)
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti in questo forum
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group