Coltelleria Collini Coltelleria Collini  Coltelleria Collini Facebook  Coltelleria Collini Twitter  Coltelleria Collini Instagram  Coltelleria Collini Google  Coltelleria Collini Youtube     ExtremaRatio Ti Rock Benchmade knives Takeshi Saji knives
Chi c'è Online
In questo momento ci sono, 77 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui


Moduli
· Home
· Cerca
· Messaggi Privati


Info Generali
Benvenuto, Anonimo
Login (Registrare)
Iscrizione:
più tardi: ulosug
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 53328

Persone Online:
Visitatori: 77
Iscritti: 0
Totale: 77


Collini Steel


Benchmade


Hinderer Knives


Loyalty program


Forum coltelli, coltello, torce, spade: Forum

Coltelleria Collini :: Guarda l'argomento - EKA Nordic W12 - prime impressioni
Indice del forum » Test e Recensioni

Inserisci un nuovo argomento   Rispondi all'argomento
EKA Nordic W12 - prime impressioni
Argomento precedente :: Argomento successivo  
Autore Messaggio
ordn71
Apprendista Fabbro
Apprendista Fabbro


Registrato: Mar 07, 2011
Messaggi: 49

MessaggioInviato: Lun 29 Dic 2014-11:46 am    Oggetto: EKA Nordic W12 - prime impressioni Rispondi con citazione

Ciao!

Premessa
Nella cittadina di Ekenässjön, contea di Jönköping non c’è niente che possa svagare il lavoratore in trasferta, una volta lasciata la fabbrica, soprattutto durante il periodo invernale (infernale, per alcuni Sorrisone ). La giornata lavorativa si conclude verso le 15:30 – 16:00, quando oramai è buio pesto. Un solo ristorante degno di questo nome che finisce il turno alle 20:00 al massimo. Dopo un paio di giorni in cui ho voluto sfidare i -5 °C correndo lungo la riva del lago, ho deciso di esplorare un po’ il centro. Tra i pochi negozi aperti mi sono imbattuto in questo ferramenta locale che sembra una via di mezzo tra un emporio del vecchio West e un garden center Sorrisone . Su una rastrelliera, vicino ai prodotti della Fiskars, ho adocchiato questo coltello. Un vero acquisto di impulso, non conoscevo né la marca né il modello, solo il tipo di acciaio mi era famigliare. Sono riuscito a metterlo un po’ alla prova durante queste vacanze natalizie. Condivido allora qualche impressione, come sempre del tutto personale.

Il coltello
Il coltello ha un design abbastanza classico per un coltello pensato per avventura, caccia, bushcraft e vita all’aria aperta nella natura. Un full-tang ben dimensionato, lama di 4 millimetri di spessore, profilo drop-point modificato. Presenta una modesta godronatura sul dorso della lama, che offre un buon appoggio per il pollice, pensata per un migliore controllo nei lavori di intaglio. La lama, in acciaio inossidabile Sandvik 12C27 presenta il classico Scandi grind, per un buon equilibrio tra le doti di taglio e la robustezza e ritenzione del filo. Il manico è realizzato in G10 arancione (nella mia versione) con linee semplici e una buona ergonomia in mente. Presenta intagli poco pronunciati per migliorare la presa e un finger-guard non eccessivo e ben studiato per la funzionalità. Le guancette sono assemblate con semplici viti a taglio che consentono all'utente di completare lo smontaggio per la pulizia con attrezzi “normali”. Il codolo sporgente può essere utilizzato come martelletto da campo. Il manico presenta un foro per lacciolo di misura giusta per il paracord 550. Il coltello è dotato di un fodero in kydex di buona fattura, con viti regolabili in posizioni diverse. In dotazione anche un simpatico attrezzino, il Mini-FireSharp, uno strumento combinato, pensato per affilare la lama e accendere il fuoco, insieme a un lacciolo in paracord 550.

Dal sito web di EKA Knivar AB:
EKA Knivar AB è stata fondata nel 1882 da Hadar Hallström, con il nome di Hadar Hallström Kniffabriks Limited. Nel 1917 il nome della società fu cambiato in Eskilstuna Kniffabriks Ltd - in seguito abbreviato come coltelli EKA AB.
Fino alla metà del 20 ° secolo Eskilstuna è stata una vera "città coltello". Più di 40 fabbriche specializzate la produzione coltello risiedevano in città. Con la sua attenzione sulla qualità e la sua volontà di sviluppo, EKA riuscito a rimanere sul mercato. Oggi siamo il principale produttore coltello pieghevole del Nord Europa.

Come è fabbricato un coltello di qualità?
Oltre ai coltelli pieghevoli, la linea di prodotti di EKA è stato ampliata con coltelli a lama fissa per la vita all'aperto, caccia e uso domestico. Dopo cento anni nel settore EKA è diventato un nome noto, sinonimo di qualità e artigianalità. I nostri coltelli sono conosciuti in tutto il mondo per la loro robustezza, sicurezza e design di prima classe.
Competenza, precisione e l’esperienza di vita all'aria aperta così come la caccia e la pesca, sono il fondamento della nostra buona reputazione. EKA pone gli stesse elevati requisiti su tutti i suoi prodotti, dai coltelli pieghevoli e a lama fissa, alle seghe ed accessori.
Di solito diciamo che sono tre i requisiti fondamentali per la produzione di un coltello di qualità:
1. L'acciaio della lama deve essere di alta qualità. EKA utilizza acciaio inossidabile Sandvik, sigla commerciale 12C27.
2. La durezza della lama del coltello deve essere 57-59 Rockwell C.
3. Il tagliente deve essere ben fatto. Per garantire un tagliente affilato e durevole usiamo un angolo di 40 gradi.

Impressioni
Il packaging, al primo sguardo, non fa scattare la scintilla dell’amore a prima vista. Dà l’impressione di un prodotto da banco di ferramenta più che di una lama di qualità. Ma, superata la prima impressione, ad acquisto effettuato, ci si ritrova tra le mani un onesto coltello da outdoor, ben progettato, costruito e rifinito. I componenti e le finiture sono di buona qualità e l’assemblaggio preciso e pulito. Il coltello, impugnato, mi dà subito l’impressione di compattezza e solidità, unita ad una certa “sicurezza” nel maneggiarlo. L’impugnatura è comoda ed ergonomica nelle varie prese e il finger-guard ben dimensionato non disturba nell’utilizzo. Con il Nordic W12 mi sono cimentato con una Swedish stove o Canadian candle, che dir si voglia. Il test, questa volta, ha i suoi grossi limiti. In primis si basa su un solo utilizzo in un pomeriggio e l’attività è la classica attività da “tester della grigliata”, effettuata nei dintorni di casa, dopo l’ennesimo pranzo delle feste. Un bell’esempio di back-yard bushcraft Sorrisone . Temperatura -1 °C, comunque Linguaccia . Il coltello se la cava discretamente nelle operazioni di chopping leggero, tipo sramatura ma, chiaramente, non è un chopper per vocazione. Buone le performance nel batoning, è relativamente facile aprire tronchi anche di buone dimensioni (anche se per la struttura della Swedish stove ho utilizzato la accetta). Mi sono trovato all’inizio un po’ impacciato, invece, nelle operazioni di taglio/intaglio. Ha richiesto un po’ di tempo prendere la mano giusta con questo angolo veramente ottuso – a mio parere – del tagliente. La realizzazione di feather-sticks e trucioli non è stata per nulla agevole, paragonandolo, per esempio all’F1. Una volta presa la mano, la destrezza migliora, ma ancora non lo ritengo uno dei miei migliori coltelli da intaglio. Date le temperature ho operato sempre con i guanti e il processare tronchi e tronchetti per qualche ora, non è stato assolutamente un problema. Il tip è molto robusto, ha sopportato le torsioni e le leve a cui lo ho sottoposto senza problemi. Il fodero è ben concepito, molto buona la ritenzione del coltello anche senza il laccetto; intelligente la realizzazione dello scolo per l’acqua. Data l’umidità della legna, ho rinunciato a cercare di accendere il fuoco con il fire-steel in dotazione ed ho ripiegato sulle tavolette accendi-fuoco ed un bel bic Sorrisone . Anche, essendo il filo ancora in ottime condizioni non ho avuto necessità di ravvivarlo con l’affilatore in dotazione. Comunque, ad occhio, il fire-steel mi pare un po’ sottile e all’affilatore in dotazione continuerei a preferire la DC4 come sharpner da campo. Sospendo il giudizio per il momento e andrò a completare le impressioni magari con qualche preparazione di cibi. In generale, per il momento, posso dire che, per una novantina di euro circa (al cambio con la Corona Svedese), mi sono portato a casa un coltello da outdoor solido, robusto, ben costruito e rifinito dalle performance più che discrete.

Qualche dato tecnico
Lunghezza lama: 120 mm
Lunghezza totale: 230 mm
Spessore lama: 4 mm
Material impugnatura: G10 orange (nella mia versione)
Peso totale: 220 g.

Qualche immagine



























Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
The Tracker
Addetto ai Forni
Addetto ai Forni


Registrato: Aug 06, 2013
Messaggi: 103

MessaggioInviato: Sab 03 Gen 2015-21:45 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Grazie per l'interessante recensione.

Tornando al coltello, è bellino, come genere ricorda un "simil-Moraknive", se non hai speso una follia mi sempro un attrezzo onesto.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
Bancomat85
Forgiatore di Lame
Forgiatore di Lame


Registrato: Gen 03, 2012
Messaggi: 1904
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom 04 Gen 2015-15:01 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

bel coltello!! mi piace, anche il fodero è molto ben fatto a quanto pare… posso chiederti quanto l'hai pagato? Sorrisone
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
ordn71
Apprendista Fabbro
Apprendista Fabbro


Registrato: Mar 07, 2011
Messaggi: 49

MessaggioInviato: Mer 07 Gen 2015-11:07 am    Oggetto: Rispondi con citazione

Ciao! Buon 2015 a tutti!

Citazione:
Grazie per l'interessante recensione.

Tornando al coltello, è bellino, come genere ricorda un "simil-Moraknive", se non hai speso una follia mi sempro un attrezzo onesto.


Citazione:
bel coltello!! mi piace, anche il fodero è molto ben fatto a quanto pare… posso chiederti quanto l'hai pagato?


Grazie a voi. Come detto, il prezzo ammontava a 900 Corone Svedesi (al cambio circa 95 EUR). Rispetto ad un Mora, anche se ne ricorda vagamente forme e filosofia di utilizzo, trovo l'EKA molto più robusto e solido e lavorazioni e componentistica di qualità superiore.

Ho provato a tagliare un po' di cibi vari, dalla frutta alla carne e salumi al pane con risultati non proprio eccellenti. Ho fatto qualche ricerchina ed ottenuto alcune spiegazioni. Se ho capito bene (nella mia inesperienza e scarsa conoscenza), il "problema" sembra essere il secondary bevel (V-grind) dello scandi grind che viene lasciato volutamente un po' spesso ed ottuso (pare tra 20 e 25°). Questo dovrebbe aumentare la robustezza del filo a discapito di un po' di performance sul taglio. Non sono convinto al 100% di questo: per me un filo tagliente taglia più facilmente con meno stress del filo stesso, è più facile da controllare e reduce gli stress laterali. Un filo tagliente taglia in una passata, un filo spesso ed ottuso fa lo stesso lavoro in tre o quattro. Non so... sono tentato di passarlo nel Chef's Choice e portare il secondary bevel a 15°. Sorrisone

Qualche imagine comparativa:



Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
The Tracker
Addetto ai Forni
Addetto ai Forni


Registrato: Aug 06, 2013
Messaggi: 103

MessaggioInviato: Sab 24 Gen 2015-16:38 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

ordn71 ha scritto:
Ciao! Buon 2015 a tutti!

Citazione:
Grazie per l'interessante recensione.

Tornando al coltello, è bellino, come genere ricorda un "simil-Moraknive", se non hai speso una follia mi sembra un attrezzo onesto.


Citazione:
bel coltello!! mi piace, anche il fodero è molto ben fatto a quanto pare… posso chiederti quanto l'hai pagato?


Grazie a voi. Come detto, il prezzo ammontava a 900 Corone Svedesi (al cambio circa 95 EUR). Rispetto ad un Mora, anche se ne ricorda vagamente forme e filosofia di utilizzo, trovo l'EKA molto più robusto e solido e lavorazioni e componentistica di qualità superiore.

Ho provato a tagliare un po' di cibi vari, dalla frutta alla carne e salumi al pane con risultati non proprio eccellenti.


Mi aspettavo un prezzo più basso, a quella cifra mi è già meno attraente.
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
FANTONI HB1
Apprendista Fabbro
Apprendista Fabbro


Registrato: Dec 28, 2014
Messaggi: 29

MessaggioInviato: Mer 28 Gen 2015-13:23 pm    Oggetto: Rispondi con citazione

Buon utensile
Torna in cima
Guarda il profilo dell'utente Manda un messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Inserisci un nuovo argomento   Rispondi all'argomento    Indice del forum » Test e Recensioni Tutti i fusi orari sono EET (Europa)
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti in questo forum
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group